jump to navigation

La disarmonia delle sfere giugno 21, 2010

Posted by maxviel in Il linguaggio musicale, la musica contemporanea.
trackback

Ritorno dopo ben due anni a questo blog, con la speranza di non abbandonarlo di nuovo al suo destino! Non subito, almeno…

L’occasione è la promozione del Laboratorio d’ascolto… è il sesto dal 2010 (ed ultimo prima della pausa estiva dal 2010) e consiste in un incontro informale per non esperti di musica (organizzato da Sincronie, O’ e Die Schachtel), dedicato soprattutto ad allenare il “muscolo dell’ascolto” con brani e materiali spesso inusuali. Il tema sviluppato questa volta consiste nel declinare il tema generale del rapporto tra musica e ambiente con uno dei massimi ambienti pensabili: l’universo.

L’idea di un legame tra la musica e il cielo è antico almeno quanto la filosofia di Pitagora ed è sopravvissuta con Platone e Cicerone attraverso la cultura medioevale, fino a quella attuale, tanto che ancora oggi si vagheggia di una inaudibile “musica delle sfere”, pura e incontaminata dalle bruttezze e imperfezioni della vita quotidiana.

Ma orecchie elettromagnetiche tese verso l’infinito hanno rivelato ben altra realtà: l’universo captato dai radiotelescopi pullula di rumori, fischi e ruggiti, testimoni delle tremende forze creative e distruttive che operano nel cosmo. A partire dal “rumore di fondo” generato dal BigBang, ai suoni e click delle Pulsar, delle esplosioni di raggi Gamma (no non quelli di Mazinga) o dei “cori” emessi dai campi magnetici planetari, come quello terrestre, l’universo, silenzioso quando non vi è atmosfera, risuona e ribolle nel campo elettromagnetico, che noi possiamo tradurre in suono con un normale altoparlante.

Niente da stupirsi se vi sono artisti che non solo si sono ispirati alle stelle, ma hanno utilizzato i materiali captati dai radiotelescopi in album e performances, come la antesignana e un po’ vittima della newage  Fiorella Terenzi al duo Radioqualia, dei quali abbiamo ospitato Honor Harger nell’edizione di Sincronie 2009 (qui una sua intervista per Digimag) e al loro progetto Radioastronomy .

L’incontro si svolgerà giovedì 24 giugno alle ore ore 19.15 presso O’, via Pastrengo, 12 Milano e ascolteremo materiali dall’archivio NASA, dai NASA Voyager Recordings, da Music of the Magnetosphere e altri.

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: